ChristianLifeStyle a 360°

FACEBOOK     YOUTUBE     PHOTOBUCKET     WORSHIP     CONTACT


mercoledì 14 dicembre 2016

L'irreligioso arrivo di Cristo



Prima del principio quando quello che noi chiamiamo antico, era ancora nel lontano futuro, Dio regnava. In un universo inabitato, Dio non aveva alcun bisogno. Eppure a Lui piacque respirare vita, su un cumolo di polvere. Dal nulla l'uomo fu creato. Come un Re, racchiuse gli oceani sulla terra, ogni atomo dell'universo ascoltava attento i suoi ordini. Nei nostri fallimenti, scese dal suo trono, rivestito in un corpo di morte, nacque da una vergine che lui stesso aveva creato. Rompendo tutte le regole della religione ebraica, il re dei giudei stava arrivando sulla terra.

Nella cultura del 2016, l'arrivo di Gesù viene interpretato con classe ed eleganza, dove questa mangiatoia, sembra un Hotel a 5 stelle. Per un momento, chiudendo i miei occhi, immagino di essere un giudeo, praticante l'ebraismo, 2000 anni fa. Dove le adultere devono essere lapidate. Immagino di essere Maria, cercando di spiegare alle persone intorno a me, che vedono il mio corpo cambiare e il mio stomaco ingrandire, chi il padre di questo bimbo che cresce dentro me sia. Immagina Maria, un'adolescente, non sposata, che cerca di spiegare che quello che succede in lei, è un'opera di Dio. In una società religiosa dove la grazia non è stata ancora manifestata; se io fossi stato un giudeo, non l'avrei creduta, non sposata, incinta, vedendo Giuseppe correre via, non avrei creduto che il figlio di Dio stesse arrivando in un modo cosi povero e irreligioso. Mi domando perchè Dio, ha deciso di far arrivare suo figlio, in una situazione cosi incompresa, nato da un'adolescente che probabilmente tutti hanno giudicato. Perché prima della sua nascita Cristo stava già predicando il suo messaggio di grazia, Cristo stava già predicando che lui non stava arrivando per cercare perfezione nell'uomo, ma era pronto a offrire redenzione. Cristo stava predicando che lui era l'amico di coloro che erano giudicati nella società, l'amico di coloro che non erano degni della vita religiosa. Cristo era l'amico degli incompresi, delle adultere, dei perduti. Cristo nacque in una circostanza irreligiosa per provare al mondo intero che, anche da bambino, lui poteva portare un miracolo nella situazione peggiore della tua vita. E può farlo ancora.

Pierpaolo Frezza


Nessun commento:

Posta un commento

Locations of visitors to this page
Pagine visitate:  



Torna in cima alla pagina