ChristianLifeStyle a 360°

FACEBOOK     YOUTUBE     PHOTOBUCKET     WORSHIP     CONTACT


martedì 30 dicembre 2014

Una nuova vita in Lui


Caro lettore, mi chiamo Daniele, sono un giovane di trentadue anni e quello che sto per raccontarti ha dell’incredibile perché incredibile è l’amore e la misericordia che Dio usa verso coloro che lo amano.


Mi definisco figlio di: Dio, dei miei genitori Giuseppe e Isabella ma anche figlio dei Sela. Sono nato il 15 Luglio del 1982 anno in cui l’italia vinse il mondiale in Spagna, ma soprattutto l’anno in cui mio padre iniziò la collaborazione col gruppo Sela anche se da lontano visto che abitavamo a Maranello. Sono cresciuto tra insegnamenti, note e canzoni cristiane vivendo, così, un infanzia e un adolescenza molto felice e senza troppi problemi. Ero presente alle tante attività di chiesa, non ho mai fumato, mai bevuto, non sono mai stato un violento e pure dopo le scuole superiori mi ritrovai a sentire il peso del peccato che sempre più gravava sulla mia “fedina celeste”. Mi sentivo scoraggiato, deluso, non capito ed ero profondamente arrabbiato con me stesso e con il mondo. Nemmeno in quel tempo Dio mi lasciò solo, in quanto gli insegnamenti della Sua parola mi perseguitavano fino a che mi raggiunsero proprio mentre ero al volante della mia auto, sulla tratta Caserta - Casalnuovo. Questa situazione di sfiducia mi portava a non credere a niente e a nessuno, ma fu proprio in quel momento di debolezza, mentre guidavo, che iniziai una conversazione a tu per tu con Gesù. Gli chiesi di sedersi accanto a me, e come se parlassi ad un amico gli dissi: “Ho bisogno io di credere in qualcuno che mi dia fiducia e che mi aiuti un po’ a risalire la mia china e che sappia dare un po’ di calore a questo cuore mio, mi è rimasto Dio l’ultimo mio appiglio, mi han detto che può fare un gran miracolo in me, e riempire la mia vita di un amore che non so cosa sia ma ho fiducia in Lui. Ho fiducia nel suo grande amore, tanta pace mi darà, so che Lui è morto in croce, fino all’ultimo respiro, Gesù ha amato me”. Feci delle parole del brano dei Sela scritto da mio padre “Una nuova vita in Lui” la mia preghiera. Iniziai a sentire la Sua presenza viva nel mio cuore, piangevo e lodavo Dio (tutto questo mentre guidavo), ma l’incredibile stava per arrivare... continuai a utilizzare il brano come preghiera: “Adesso so chi sono”! Uno felice in Lui, mi sento realizzato nel Suo grande amore, e non c’è più cosa al mondo che mi possa mai staccare per sempre dal mio Signore Gesù... L’incredibile stava nel fatto che mentre pregavo ciò che dicevo si realizzava dentro di me in modo glorioso, sapevo veramente chi ero! Un figlio di Dio! Chiedevo perdono dei miei peccati e mi sentivo realizzato nel Suo grande Amore. Ho capito in quella circostanza cosa significa essere “peccatore salvato per Grazia”. Tutt’ora continua il mio viaggio con il mio amico Gesù, sono al Suo servizio e spero che la nostra musica possa raggiungere i cuori di tanti giovani in modo da sensibilizzarli a fare l’esperienza di “Una nuova vita in Lui”. Sono convinto che solo Gesù e la Sua parola salvano, ma sono altresì certo che la musica cristiana può aprirti il cuore e prepararti a riceverLo, basta solo che tu voglia incontrarLo! Lui sicuramente ti verrà incontro. Voglio ringraziare personalmente Dio per tutto quello che ha fatto per me, ma anche il Gruppo Sela nelle persone di (Franco Marino, Lucio e Massimo D’Alessandro, Giuseppe Palladino, Armando Principe) per aver pregato per me, pianto per me, ma soprattutto per avermi spinto al servizio dell’Altissimo con la musica.
Daniele Palladino

“…tutta la musica non dovrebbe avere altro scopo che la Gloria di Dio ed il restauro spirituale dell’anima; se non si raggiunge questo obbiettivo non può esistere musica; non è allora più che uno stridio ed un chiasso infernale.”

Johann Sebastian Bach


Nessun commento:

Posta un commento

Locations of visitors to this page
Pagine visitate:  



Torna in cima alla pagina