ChristianLifeStyle a 360°

FACEBOOK     YOUTUBE     PHOTOBUCKET     WORSHIP     CONTACT


sabato 22 dicembre 2012

Chi c'è dietro la maschera?



Cosè una maschera? 
La maschera è un oggetto che si mette sul viso per coprirlo interamente o solo per coprire gli occhi. È stata usata sin dall'antichità per rituali religiosi, rappresentazioni teatrali o per feste popolari. È principalmente un oggetto usato per nascondere la propria identità, per esempio durante feste in maschera o a Carnevale, con lo stesso scopo, è usata da molti personaggi immaginari della narrativa e dei fumetti tipo Paperinic, spyderman, batman, ecc.. 

Oltre a questa, esiste un'altra tipologia di maschera che non serve per nascondere il volto, bensì per nascondere cosa siamo realmente, cioè per nascondere cosa c'è nel nostro cuore, al fine di guadagnare la stima degli altri. Il numero delle persone che vivono la propria vita seguendo tutto ciò che i media, amici, l'insieme della collettività o altri propongono, impongono o consigliano, cresce ogni giorno e, la consguenza, è che aumentano le persone che si chiudono in se stesse e nascondono i propri disagi indossando una maschera. Quasi sempre chi li circonda non si accorge della falsa identità che manifestano ma, gli stessi  nei loro cuori, avvertono la sofferenza di una vita forzata. Tuttavia, non possono fare a meno di comportarsi come tutti gli altri perché, la paura di essere esclusi e la vergogna di essere derisi solo perchè fanno delle scelte diverse da quelle che fa la maggioranza, li tiene in trappola. 

Nascondere la propria identità per essere accettati dagli altri non porterà ad alcun risultato ma precluderà a chi ha indossato questa maschera la possibilità di vivere una vita reale. Cambiare l'esteriore non cambierà ciò che si ha nel cuore per questo motivo la sofferenza rimane, anche se si fanno le stesse cose che fanno gli altri. Infatti, come non basta la scogliera per fermare le onde del mare quando è in tempesta, così non basta fingere di essere quello che non si è per fermare il grido di libertà del cuore, il desiderio di esprimersi così come si è. 
Se vuoi essere felice devi avere il coraggio di essere te stesso, questa è la vera libertà: il coraggio di mostrarti così come sei. 
C'è una cosa che non sai ma è importante che ne tu ne venga a conoscenza, in modo da avvertire meno disagio e acquisire maggiore sicurezza, fiducia nella tua personalità: "Ciò che TV, giornali, ecc., vogliono far credere, è che tutto quello che fa la massa è la cosa giusta, quindi per loro gli anormali sono tutti coloro che non si uniformano alla massa". La realtà però non è questa, perchè chi ti circonda, talvolta anche tanti personaggi televisivi, giornalisti, cantanti, attori, ecc., che affermano questa teoria, vivono la loro crisi di identità, indossano infinite maschere a seconda della necessità e, come te non hanno il coraggio di essere sinceri. Magari non lo si vede perché non possono dirlo, ma certi eventi, certi risvolti nelle loro vite manifestano che quella che portavano era una maschera.
Gesù può aiutarti a gettare via la tua maschera e ad essere te stesso. Tanto non hai nulla da perdere, anzi hai tanto da guadagnare perché se c'è qualcosa di sbagliato in te, confrontandoti con Lui, capirai cosa è giusto o no, nei tuoi desideri, nelle tue idee, nei tuoi gusti. Capirai che talvolta, magari in sincerità, sono gli altri che ti impediscono di raggiungere la vera libertà che puoi trovare in Cristo. 
Caro lettore tu sei una persona completa, hai tutto l'occorrente per costruirti una vita reale, non permettere ad altri di rovinarla scegliendo al posto tuo. Nessuno ha il diritto di decidere per te e di privarti della libertà che Dio ti può dare. Non dar retta a quello che vedi e senti in televisione, quelle sono scene, nella maggior parte dei casi discorsi e programmi organizzati di proposito per far colpo sulle persone ma, non c'è niente di reale, terminato lo show quel copione viene appallottolato e cestinato e tutti tornano alla propria vita quotidiana, indossano di nuovo la maschera.
Molte volte gli uomini non realizzano che il vero problema che li costringe a travestirsi di una falsa identità deriva dal fatto di non accettare se stessi e aver paura del giudizio altrui. 
Preferiscono dare un'immagine diversa da ciò che sono, vogliono che gli altri li vedano forti, sicuri, indipendenti da tutto e da tutti, che non hanno bisogno di niente e di nessuno. Insomma, vogliono mostrarsi supereroi ma, la realtà non è questa.

Accade a volte che quando si ritrovano soli a casa scoppiano in un pianto senza fine, si lasciano prendere dalla depressione e, nei casi più gravi, si abbandonano all'alcool o alla droga. Nascondere la propria identità manifesta la nostra immaturità e la nostra mancanza di responsabilità verso noi stessi e, a volte, verso chi ci sta vicino. Questo non va bene e non è giusto perché noi abbiamo il diritto di esprimere ciò che siamo e non possiamo e non dobbiamo oscurare il nostro essere. Caro lettore, tu hai il diritto di esprimere te stesso e nessuno ha il diritto di farti chiudere in te stesso. Chi sono gli altri che devono manipolarti? Dio ti ha dato un cervello pensante e usalo! Dio può dirti cosa è giusto o sbagliato ma, gli uomini senza Dio no, non per orgoglio ma semplicemente perché sono esseri umani come te e, come te e me, possono sbagliare quindi ascolta solo ciò che Dio ti dice. 
La società attuale è così tanto immersa nell'ipocrisia, le persone sono ogni giorno alle prese con una maschera diversa, con un trucco diverso, perché il "motto" dell'uomo è: cambia l'esterno e l'interno seguirà. 
Questo vale anche per noi, fingere di essere chi non si è non cambierà il nostro cuore. Costringerci ad essere uguali alla massa non spegnerà il desiderio del cuore ma lo farà crescere ancora di più e tu ne soffrirai perché non avrai il coraggio di esaudirlo. Forse nel tuo cuore sei dispiaciuto e scoraggiato perché ci sono tanti desideri, sentimenti, idee, scelte che vorresti condividere e realizzare ma sai che gli altri non condividerebbero, non ti preoccupare Gesù li condivide e un giorno te li farà vedere realizzati. Forse hai il desiderio di conoscere Gesù, vorresti anche saperne  di più di Lui ma hai paura di essere deriso dagli altri e rinunci. Voglio dirti una cosa, chi ti deride non ti ama perché chi ti ama condivide i tuoi sogni e, se trovi il coraggio di realizzare questo tuo desiderio, appena lo esternerai, Dio ti farà incontrare tanti amici che come te cercano la verità, non ti derideranno ma ti accetteranno così come sei. Provaci e non rimarrai deluso. 
Prova con Gesù, aprigli il tuo cuore e chiedigli di aiutarti ad essere te stesso, di non avere più paura del giudizio altrui ma di fare tutto ciò che desideri fare e che Dio approva. Ricorda, la prima volta non sei stato solo quando hai scelto di metterti una maschera ma, qualcosa o qualcuno ti hanno aiutato o costretto a metterla, questa volta la scelta di gettarla via spetta a te, sei tu a dover decidere se gettarla via oppure no. Tuttavia, se scegli di eliminarla accanto a te c'è Cristo Gesù che ti tenderà la mano, ti aiuterà e ti darà la forza per vincere. Tu devi solo aver fiducia, il resto lo farà Lui, giorno per giorno, una alla volta, ti aiuterà a gettare via tutte le maschere che hanno oscurato la tua vita fino ad oggi e, finalmente, potrai mostrare il tuo vero volto con fierezza e con gioia.

Paola Ciaramella 
Lucio D'Alessandro



Nessun commento:

Posta un commento

Locations of visitors to this page
Pagine visitate:  



Torna in cima alla pagina