ChristianLifeStyle a 360°

FACEBOOK     YOUTUBE     PHOTOBUCKET     WORSHIP     CONTACT


venerdì 11 maggio 2012

Editoriale n°4



“Benvenuti a bordo, allacciate le cinture e prego date attenzione alle indicazioni che riceverete. Godrete così di un magnifico volo!”.

Immaginate di ascoltare questa espressione prima di iniziare questo viaggio nel nuovo numero di “SL” dedicato alla chiesa.


Il dolce miracolo di Whitney




Così Kevin Costner ha definito Whitney Houston il giorno 18 febbraio, mentre leggeva il discorso funebre sulla cantante e amica conosciuta sul set di The Bodyguard, un “dolce miracolo”. La vita della Houston si lega a quella di tanti prima di lei che hanno coniugato il “successo” ad “eccesso”.


Houston: addio o "arrisentirti"?



A chi non è mai successo di emozionarsi o almeno di essere impressionato all’ascolto di una voce stupenda come quella di Whitney Houston?!


Volando insieme




"Le ali della Chiesa”…buttato così può sembrare il titolo di un film, una cosa immaginaria, una espressione senza senso, nulla di realistico, fantasia. Invece, è una realtà concreta, un obiettivo quotidiano che la Chiesa (intesa come promessa sposa di Cristo) si prefigge e si deve prefiggere, cioè VOLARE.


Il tuo biglietto è stato già pagato



Dio invece mostra la grandezza del proprio amore per noi in questo: che, mentre eravamo ancora peccatori, Cristo è morto per noi”.

(Romani 5:8)


La chiesa che io sogno



La Chiesa che io sogno è una chiesa in cui ognuno, come Cristo, si renda servo all’altro, perché ho letto in Giacomo 2:26 “Infatti, come il corpo senza lo spirito è morto, così anche la fede senza le opere è morta”.


Io la chiesa ed il mio talento



Paragonando la chiesa ad un aereo, possiamo affermare che in entrambi i casi ‘VIAGGIANO’ persone che hanno un unico obiettivo: arrivare a destinazione. Una parte importante della struttura dell’aereo sono le ali, esse infatti ne determinano l’equilibrio così da poter viaggiare senza alcun intoppo.


Siamo uno... l'affascinante volo della chiesa di Cristo




Lo spostamento di uccelli che volano in gruppo è un autentico spettacolo della natura. Il fenomeno si manifesta quando le temperature tendono drasticamente a irrigidirsi, allora un istinto speciale riunisce alcune specie di volatili, fino a raggrupparli in stormi costituiti da decine di migliaia d’uccelli.


Il bicchiere d'acqua che ti mette le... aaali!




E se fosse un semplice bicchiere d’acqua a risollevare le sorti del mondo? A mettere le ali al nostro amato ma stanco e avvilito mondo?


Cristo vuole una chiesa che spicca il volo




Quando pensiamo o pronunciamo la parola “chiesa”, siamo soliti attribuirgli significati che nella realtà non corrispondono al suo valore originario. Come per esempio quando indichiamo il luogo dove si svolgono cerimonie religiose o come quando lo utilizziamo quale elemento che da il nome a precise organizzazioni confessionali.


SL COMIX: E tu ci pensi...



La fede spalanca il mio cuore ogni giorno di più


Presentazione del libro di Le Grottaglie a Napoli: “L’amore vince tutto”.


L'unione fa... la Chiesa!



Ultimamente mi capita spesso di soffermarmi sul concetto dell’unità della chiesa. Potremmo pensare sia una realtà di secondaria importanza, ma non è così, ha l’assoluta priorità.
Senza unione non c’è chiesa.
La Bibbia ci dice che: “siamo membra di un solo corpo”, il corpo di Cristo. Queste membra potrebbero anche funzionare efficacemente da sole, ma non servirebbe a niente. È essenziale che siano collegate le une alle altre. Occorre quindi essere uniti, ben amalgamati gli uni agli altri ed è l’amore che Dio ha messo nei cuori a cementare l’unione. Spetta a noi, Suoi figli, custodirla e preservarla.


Nel blu dipinto di blu



Alzo gli occhi al cielo, mi stacco dal rumore quotidiano e mi proietto, come in un sogno, verso l’alto, lì dove i confini spariscono e ci si sente immersi in qualcosa che assomiglia all’eternità.
Isaia dice: “chi mai son costoro che volano come nuvola, come colombi verso il loro colombaio? Sono le isole che sperano in me…”.


Sulle ali della fede



Che cos’è la fede? Se pensiamo alla parola fede la nostra mente va a tutto ciò che è religioso o mistico. Spesso vediamo la fede come un qualcosa di astratto, a cui le persone si aggrappano per dare un senso alla vita o dare risposta a tutto ciò a cui umanamente non si può rispondere.

La fede in realtà è concretezza, certezza, praticità, razionalità...


Dietro un angolo di cuore, un vento di paura… Volaci sopra con le ali che può darti Gesù!!!





“… l’amore e la paura possono difficilmente coesistere, …”
(Niccolò Machiavelli)

“Accade invariabilmente che il punto di partenza della saggezza sia la paura.”
(Miguel de Unamuno)

“Chi ha paura muore ogni giorno,
chi non ha paura muore una volta sola.”
(Paolo Borsellino)

“Una vigile e provvida paura è la madre della sicurezza.”
(Edmund Burke)

“Il dubbio e la paura portano al fallimento.
Quando pensi negativamente il tuo atteggiamento ti porta al fallimento.
I pensieri si cristallizzano in abitudini
e le abitudini si solidificano nelle circostanze.”
(Bryan Adams)

“La paura è un meccanismo di difesa che ci permette di avere coscienza
di un pericolo e quindi di mettere in atto risposte per evitarne le conseguenze.”
(Vittorino Andreoli)

“Nessuna passione priva la mente cosi completamente
delle sue capacità di agire e ragionare quanto la paura.”
(Edmund Burke)

“La paura distrugge l’integrità dell’uomo.”
(Karekin I)



Le ali della testimonianza



Mi chiamo Anna e mi piacerebbe farvi conoscere la storia di una donna che ha amato Gesù fino all’ultimo istante della sua vita. Questa persona è mia madre, che circa un anno fa è andata col Signore, lasciando sia a me e alle mie sorelle un’eredità indelebile. Andando a ritroso nel tempo, anni fa, la nostra vita era avvolta nel buio più totale, vivevamo nelle tenebre morali e spirituali. Mia madre aveva una grave depressione ed era continuamente sottoposta a farmaci, aveva girato tanti ospedali, ma senza risultato. Anch’io, crescendo e divenuta adolescente, iniziavo ad essere ribelle a tutti i buoni insegnamenti che lei mi aveva impartito. Mi piaceva frequentare le discoteche, mi piaceva ballare, sarei voluta diventare qualcuno di importante, ma non c’erano possibilità. Un giorno, però, la Luce di Gesù è entrata nella nostra casa. Un fratello di mia madre che aveva trascorso anni in carcere, ci disse di aver incontrato Gesù, non un Dio morto che era lì sulla croce e non poteva far nulla, ma un Dio vivente che trasformava la vita delle persone, un Dio al quale potevi raccontare le tue tristezze ed essere certo che ti comprendeva perché ti amava. Dopo varie peripezie mia madre lasciò la casa ai Quartieri Spagnoli a Napoli e venne a vivere a Casalnuovo di Napoli.


Le ali della preghiera



Chiesa per me non vuol dire solo stare insieme quando tutto va bene; ma il vero significato è stare uniti soprattutto quando qualcuno di noi passa una difficoltà. Questo concetto mi è parso più chiaro quando mi ritrovai ad affrontare una difficoltà più grande di me.
Era il 1978 ed avevo 33 anni quando mi accorsi di avere un nodulo al seno.
All’inizio non mi accorsi della gravità della situazione, perché i medici mi dicevano che non era grave e senza farmi fare accertamenti specifici, mi operarono. L’intervento si complicò a tal punto che pensavano avessi un emorragia interna, ma i medici, nonostante la situazione, continuavano a prenderla alla leggera.


L'aereo di Cristo





“…..poi noi viventi,
che saremo rimasti,
verremo rapiti insieme con loro,
sulle nuvole a incontrare
il Signore nell’aria,
e così saremo sempre
con il Signore”
(1 Tessalonicesi 4:17)

Se facciamo una veloce analisi delle persone che conosciamo, vicini, parenti, amici e colleghi, ci accorgiamo che molte di loro hanno problemi ed ansie che spesso provocano loro tristezza e depressione. Viviamo in una società, in cui la debolezza di un cuore, l’esternazione dei propri sentimenti vengono considerati ormai come un qualcosa che non appartiene più all’uomo ma solo ed esclusivamente ai bambini.


Last Minute: in volo con Gesù





“Ora voi siete il corpo di Cristo
e membra di esso,
ciascuno per parte sua…”
(I Corinzi 12 :27)

Credo che il corpo umano sia la più grande meraviglia del creato e non dobbiamo sorprenderci se lo Spirito Santo, il più grande degli scrittori, paragoni la Chiesa ad esso. Se l’uomo è il capolavoro di Dio, dunque, uno dei capolavori dell’uomo sono i mezzi moderni di volo. La nostra vita si può considerare, un viaggio costante e continuo. La chiesa di Cristo Gesù, ha un biglietto già pagato, di sola andata, con destinazione la Gerusalemme Celeste. Vorrei camminare con voi per diporto sulle strade della fantasia, pensando alla chiesa come ad un moderno aeroplano, composto da tante parti (membra), che hanno bisogno l’una dell’altra per poter volare e raggiungere la meta. Sorridereste se vi dicessi che, le “mani dell’aereoplano” (le ali), discutono su chi delle due, la sinistra o la destra, è più importante e se è il caso di portare con loro il timone?


Prendi l'aereo o aspetti che ti crescano le ali?



C'è un giovane la cui storia, non tratta dalla Bibbia, affascina molto i ragazzi che, al contrario di come pensano i “grandi”, non si interessano solo di videogiochi e moda!
La mitologia greca racconta del re di Creta che fece rinchiudere Dedalo e il figlio Icaro in un labirinto. Primo architetto e primo scultore della Grecia, Dedalo fu incaricato dal re Minosse di costruire un labirinto tanto complicato ed ingegnoso, che nessuno, una volta entrato, poteva più uscirne. Nel labirinto fu rinchiuso il Minotauro e quando questi fu ucciso dall’eroico Teseo, Minosse incolpò Dedalo dell’accaduto e lo lasciò nel labirinto insieme al figlio Icaro.


Locations of visitors to this page
Pagine visitate:  



Torna in cima alla pagina