ChristianLifeStyle a 360°

FACEBOOK     YOUTUBE     PHOTOBUCKET     WORSHIP     CONTACT


sabato 13 novembre 2010

Con Dio non è mai troppo tardi



Capita sempre più spesso di guardarsi intorno e vedere che il mondo è praticamente sommerso dal dolore, e dalla violenza. Ogni nazione cerca, a modo suo, di risolvere queste problematiche ma è difficile fermarsi e porre mente sulla causa di tutto ciò. La Bibbia insegna che tutte queste cose sono nate come conseguenza del peccato. Ma cos’è il peccato?
Peccare vuol dire mancare il bersaglio. Venir meno ai comandamenti di Dio. In altre parole vuol dire disubbidire a Dio. L’uomo per natura è portato a peccare e nonostante ci metta tutta la buona volontà per non cadere, non ce la fa da solo… ha bisogno di un aiuto. Ha bisogno di un Salvatore! Può sembrare strano, ma Dio ci ama nonostante il nostro peccato e ci ha provveduto una via d’uscita. Egli ci ha così tanto amati che ha mandato il Suo unico figlio, Gesù Cristo, per prendere su di se la nostra punizione eterna. Cristo è morto al nostro posto, inchiodato ad una croce, per riscattarci dai nostri peccati. Per questo Suo sacrificio tutti coloro che lo accettano nella propria vita come personale Salvatore, sono liberati dalla schiavitù del peccato ed Egli da loro il diritto di diventare Suoi figli. La grazia di Dio non ha limiti, né Dio ha riguardi personali. Non importa quanto un uomo sia caduto in basso… la grazia di Dio lo può lavare da ogni peccato. La Bibbia dice: “dove il peccato è abbondato, la grazia di Dio è sovrabbondata” … quindi quanto più l’uomo è peccatore, tanto più può abbondare la grazia di Dio se il peccatore glielo permette. Non esiste uomo al quale Dio non possa dare la vittoria sul peccato, se egli la vuole accettare. Davide scrive il Salmo 32 in un momento di gioia, in un momento di “nuovo inizio” per la sua vita. Dio era stato misericordioso con lui e il suo cuore era così gioioso e riconoscente per la grazia ricevuta al punto che scrisse questo canto.
In esso ricorda anche il periodo buio causato dal peccato che teneva nascosto nel suo cuore. Infatti finché durò quest’atteggiamento, il suo vigore si spegneva e il senso di colpa aumentava… in altre parole il peso del peccato lo schiacciava. Ma Davide conosceva la bontà di Dio e decise di uscire allo scoperto, di “togliere il velo”, di confessare il suo peccato. Disse: “Confesserò le mie trasgressioni al Signore…”, e indovinate cosa successe? Semplice, ricevette perdono. Se stai vivendo nel peccato e stai realizzando che la tua vita si sta consumando giorno dopo giorno senza trovare appagamento in ciò che fai, allora hai bisogno del Salvatore! Non continuare a farti del male, ma come Davide, affida la tua vita a Dio, confessagli i tuoi peccati senza aver paura di Lui perché è amore e vuole solo farti del bene. Affidati completamente a Lui e ti farà un Suo figlio. Abbi fiducia ed Egli ti darà la pace nel cuore, la gioia di vivere e appagherà completamente la tua vita. Confida in Lui e sarai circondato dalla Sua grazia ed anche tu come Davide potrai dire: “Beato l’uomo a cui la trasgressione è perdonata, e il cui peccato è coperto!”. Davide dopo essersi riconciliato con Dio considerò ciò che gli era accaduto e poté realizzare che era stato “fortunato”… per questo disse: “perciò è buono che ogni uomo pio ti invochi mentre puoi essere trovato”. C’è un tempo stabilito, infatti, durante il quale l’uomo può invocare e trovare Dio e c’è un tempo in cui questa possibilità gli è negata. Quando la vita su questa terra finirà, quando l’uomo dovrà fare i conti con la morte fisica, allora non ci sarà più possibilità di cercare Dio. Per questo motivo la Bibbia esorta a ricevere la Sua grazia oggi, perché finché c’è vita c’è speranza. Ricorda, Cristo è la speranza, Colui che ha donato la Sua vita per salvare il mondo intero.
Non reputare superflua o peggio, inutile la grazia di Dio per la tua vita, ma affrettati oggi stesso a riceverla nel tuo cuore. Se senti di percorrere la strada sbagliata corri al riparo. Forse sei schiavo del fumo, dell’alcool, della droga, del gioco o di
 qualunque altra forma di peccato… non temere perché non è finita.
Egli è potente a liberare da ogni forma di schiavitù in un
solo istante, basta volerlo. Dio desidera farti grazia. Non solo, Egli salverà chiunque andrà a Lui pentito. Con Dio non è mai troppo tardi. Egli ha una debolezza verso il peccatore pentito. Anzi proprio in questo momento se tu lo desideri può avere inizio per te una nuova vita con Lui che ti dice: “Io ti istruirò e ti insegnerò la via per la quale devi camminare; Io ti consiglierò e avrò gli occhi su di te”.

Paola Ciaramella

Nessun commento:

Posta un commento

Locations of visitors to this page
Pagine visitate:  



Torna in cima alla pagina