ChristianLifeStyle a 360°

FACEBOOK     YOUTUBE     PHOTOBUCKET     WORSHIP     CONTACT


martedì 11 maggio 2010

KIRK FRANKLYN: dal Bronx a Cristo




Nell’estate del 1993 un giovane musicista gospel, sconosciuto, proveniente da Forth Worth in Texas, lanciava il suo primo album di debutto, intitolato Kirk Franklin & The Family, che è stato 100 settimane in cima alle classifiche gospel del Billboard magazine, incrociandosi nello stesso tempo con la musica R&B, e divenendo col tempo, il primo album gospel a vendere oltre un milione di copie.

Nonostante quella fortunata ed inaspettata entrata da record, il mondo aveva visto solo la più piccola pre-figurazione del lavoro di un uomo, che in meno di dieci anni, è arrivato ad essere definito una delle forze centrali della musica gospel del ventesimo secolo.

Con parecchi alti e bassi lungo il “cammino artistico”, che lo hanno separato dal suo ultimo album da solista, The Nu Nation Project del 1998, campione di incassi di oltre due milioni di copie, Kirk ritorna con la sua nuova release, The Rebirth of Kirk Franklin. L’album è più che appropriatamente chiamato così. Ma con un titolo che fa chiaramente presagire un’evoluzione, è chiaro che ci sono alcuni seri cambiamenti filosofici alla base.
“Riesco ad esaminare la mia vita e la mia carriera adesso e ne vedo sia le stagioni di successo sia le lotte e le trappole nascoste”, dice Kirk, “e Dio ha permesso tutto! Viene tutto fatto dal Signore con lo scopo di attirarti a Lui portandoti dove Egli vuole tu sia. A volte può essere doloroso, finchè non raggiungi il punto in cui riesci a vedere che tutto è stato fatto per uno scopo, ed è un vero momento di risveglio e di rinascita”.
“Nessun artista può onestamente dire di non importarsene se il proprio lavoro viene promosso e portato alla gente in maniera efficace oppure no”, continua, “Sicuramente io voglio che la mia label impiega tutte le risorse a disposizione in modo rispettoso della volontà di Dio, affinché quest’album venga sempre ascoltato. La differenza è che io ora ho una sorta di attitudine che non è cinica o arrogante. Vedo me stesso scendere dalla giostra delle preoccupazioni riguardo al fatto se sforzarmi per scopi commerciali o solamente per superare me stesso. Il concept della rinascita e le immagini di me come ragazzo sono molto significative. C’è la giovinezza. C’è l’innocenza. C’è il ragazzo che amava Dio e che ha cantato per Lui per puro amore prima di qualsiasi altra considerazione. Non sto rigettando le realtà del marketing e del business. Io, personalmente, Kirk, sto ritornando a quel luogo di purezza che quel ragazzo viveva come un problema naturale”.

Kirk è stato sempre seguito per le sue disparate tendenze musicali influenzate dall’R&B al rock moderno, per passare dall’hip-hop al gospel tradizionale, in un tessuto senza continuità, arrivando infine a creare un suo proprio stile singolare e un suono che davvero trascende da qualsiasi confine di genere, razza, denominazione o sfondo sociale. E mentre la consistenza della sua crescita nell’ampliare la vera definizione della musica gospel non è mai scemata, The Rebirth of Kirk Franklin raggiunge livelli di realizzazione personale, sorpassando brillantemente tutto ciò che lo ha preceduto.

Nato e cresciuto in Forth Worth, Texas, Kirk, da bambino e da adolescente, non era estraneo al dolore e al conforto del Signore. Non avendo mai conosciuto suo padre e abbandonato nell’infanzia da sua madre, egli fu allevato da una zia molto attenta ad una condotta cristiana e ad insegnare Kirk a vivere una vita ispirata ai precetti biblici. Il giovane non solo prosperò spiritualmente in ambiente di chiesa, ma ben presto mostrò prodigiose doti musicali. Riconoscendo l’unzione artistica di Kirk, la zia collezionava e rivendeva lattine di alluminio per raccogliere soldi per il nipote e fargli prendere lezioni di piano quando lui aveva solo quattro anni.
Il finanziamento per tale istruzione fu speso più che bene, Franklin era un musicista naturale. Leggeva e suonava “ad orecchio” con eguale facilità, tanto che alla tenera età di 11 anni conduceva il coro degli adulti della chiesa cristiana evangelica di Mt. Rose.

Nonostante il forte background cristiano, nel periodo della sua adolescenza Franklin dapprima si allontanò dalla cerchia di persone della sua chiesa, negoziando i valori e la moralità con i quali era stato svezzato per una vita di violenza, di intimidazione e di furto; dopo essere stato espulso dall’istituto scolastico che frequentava, dopo la morte improvvisa di un suo amico, che venne ucciso all'età di 15 anni, e dopo altri spiacevoli eventi che hanno caratterizzato la sua travagliata adolescenza, egli tornò in chiesa!
L’avvento di queste situazioni, per Kirk, allora 15enne, lo spinsero a realizzare i suoi errori ed a farlo ritornare nella sicurezza della “vita cristiana” condotta in un ambiente di chiesa, dove iniziò a comporre canzoni e a registrare tracce.

Nutrito con una dieta costante di musica gospel, non sapeva che il Signore lo stava preparando per poter usarsi potentemente di lui e del suo talento.
Nei primi anni '90 formò un gruppo di 17 membri, composto da amici, colleghi e vicini, soprannominato The Family.La sua vita ebbe una svolta nel 1992, quando Vicki Mack-Lataillade, presidente della allora neonata G.R.C. (Gospo Records Centric), ascoltando stupita uno dei suoi pezzi, gli firmò tempestivamente un contratto di produzione. Da allora, per Kirk, è iniziato un decennio di successi, dettati dalle copiose benedizioni che Iddio ha riservato per la sua vita, e indubbiamente, dalle sue abilità artistiche brillanti ed innovative.


Curiosità

• La zia, Gertrude Franklin, non avendo grandi disponibilità economiche, guadagnava il denaro per le lezioni  di pianoforte di Kirk Franklin raccogliendo e rivendendo lattine di alluminio il sabato mattina di ogni settimana;
• Nel 1996, dopo essere caduto da un palco nella buca dell'orchestra, rimase in stato di incoscienza per diverse ore. Si dice che la sua My Life Is in Your Hands sia ispirata a partire da questa esperienza;
• Nel 1998 Kirk Franklin ha pubblicato la sua autobiografia, dal titolo Church boy;
• Kirk Franklin & the Family fu il primo album di debutto di genere gospel a ricevere il riconoscimento di disco di platino, inoltre rimase nella classifica Top Gospel Albums di Billboard per oltre 100 settimane;
• Il 6 ottobre 2007 si esibisce per la prima volta in Italia, al Palasport di Novara, nell'ambito della manifestazione di "Novara Gospel Festival", riscuotendo un grande successo tra il pubblico italiano




Data di pubblicazione

Album

Etichetta

certificazione RIAA

29 giugno 1993

Kirk Franklin & the Family

Sparrow

Platino

7 novembre 1995

Kirk Franklin & the Family Christmas 

Interscope

Oro

30 aprile 1996

Whatcha Lookin' 4

Gospocentric 

Platino

27 maggio 1997

God's Property

Interscope

3x Platino

22 settembre 1998

The Nu Nation Project

Interscope

2x Platino

19 febbraio 2002

The Rebirth of Kirk Franklin

Gospocentric

Platino

4 ottobre 2005

Hero

Gospocentric

Oro

18 dicembre 2007

The Fight of My Life

Gospocentric



Nessun commento:

Posta un commento

Locations of visitors to this page
Pagine visitate:  



Torna in cima alla pagina